il forziere di ogni fattoria

è giunta l’ora amiche, amici cari, ormai di vendemmiar
si inzia con il verdino del trebbiano e l’oro della malvasia per fare il Vin Santo del Chianti
 
ieri dalla mattina la vinsantaia si risveglia dopo un anno di attesa, iniziano i lavori per riassettare
e preparare l’arrivo delle uve che staranno ad appassire sulle stuoie di canniccio ed appese fino a dicembre inoltrato
quando saranno pronte per esser diraspate a mano e poi pigiate.
 
Operativi ore 15:00 si iniziano a tagliare i primi grappoli.
 
Il vinsanto è la pazienza, è l’amore per la tradizione toscana, è lo sloow wine per antonomasia,
si scelgono i gappoli migliori tagliandoli uno ad uno
ed incassettandoli in maniera che restino integri dalla vigna alla cantina.
Arrivati in cantina si scelgono i “Penzoli” i grappoli che hanno il raspo fatto in maniera da poter essere appeso ad i fili e gli altri invece che verrano distesi sul canniccio, tutto come una danza, un tutto come in una coreografia lenta e misurata.
Un vino che sarà pronto tra 5 anni, 5 anni tra fermentazione ed invecchiamento nella stessa botte
 
Si è già fatto le 18:00 la vinsantaia inizia a rifiorire di colori il verde e l’oro illuminati dai raggi del sole all’orizzonte sui Monti del Chianti, disegnando giochi di luce ed ombre: i grappoli, diafani, sembrano brillare di luce propria, come gemme preziose di un forziere.
  

vin santo del chianti d.o.c.

uve per vin santo del chianti d.o.c.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...